Milleproroghe: Decreto Legge 29 dicembre 2010, n. 225

Nella Gazzetta Ufficiale n. 303 del 29.12.2010 è stato pubblicato il Decreto Legge 29 dicembre 2010, n. 225 contenente la Proroga di termini previsti da disposizioni legislative e di interventi urgenti in materia tributaria e di sostegno alle imprese e alle famiglie.

Il decreto prevede la proroga di molte disposizioni legislative la cui efficacia altrimenti scadrebbe alla fine dell’anno corrente.

Il comma 1 dell'articolo 1 fissa uno slittamento generale al 31 marzo 2011 di tutti i termini in scadenza prima del 15 marzo 2011 e indicati nella tabella 1 allegata, il comma 2 dispone che saranno uno o più Dpcm, di concerto con il Ministero dell’economia, a decidere una proroga successiva ed ulteriore dal 31 marzo al 31 dicembre 2011.

Per ciò che concerne le previsioni d’interesse del pubblico impiego e di valore positivo in questa fase si evidenzia quanto segue:

• la proroga sino al 31.12.2011 della validità delle graduatorie dei concorsi pubblici per le assunzioni a tempo indeterminato già fissata dalla legge al 31.12.2010.

• la proroga del termine per procedere alle assunzioni a tempo indeterminato legate al turn over per le amministrazioni centrali comprese le agenzie, assunzioni soggette ad autorizzazioni sulla base di specifiche disposizioni legislative già esistenti. Nello specifico è prorogato il termine previsto dall’art. 17 commi 15 – 16 e 17 del DL 78/2009 convertito nella legge 102/2009, che riguarda direttamente le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, ivi compresi i Corpi di polizia ed il Corpo nazionale dei vigili del fuoco, le agenzie, incluse le agenzie fiscali (di cui agli articoli 62, 63 e 64 del decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300), gli enti pubblici non economici e gli enti pubblici di cui all'articolo 70, comma 4, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165. Per queste amministrazioni le disposizioni richiamate prevedono, previa autorizzazione, la possibilità di procedere ad assunzioni a tempo indeterminato nei limiti di spesa indicati legati al turn over, ricomprendendo anche eventuali processi di stabilizzazione del personale, questa è un’ulteriore possibilità da utilizzare nella concertazione con gli enti.
Inoltre l’art. 2, comma 6, autorizza il Ministero dell’Interno a prorogare per un anno, in deroga alla normativa vigente, i contratti a tempo determinato dei lavoratori degli sportelli unici per l’immigrazione delle prefetture e degli uffici immigrazione delle questure, in scadenza il 31 dicembre 2010, al fine di garantire la loro operatività nei compiti di accoglienza e integrazione.

• La proroga per tutto l’anno 2011 dei provvedimenti già adottati per assicurare l'esercizio dell'attività libero-professionale intramuraria per i medici e dirigenti sanitari del Servizio Sanitario Nazionale.

• La proroga del termine di cui all’art. 7 comma 31 sexies primo periodo del D.L. 78/2010 convertito nella legge 122/2010, che, in conseguenza della soppressione dell’Agenzia Autonoma per la gestione dell’Albo dei Segretari Comunali e Provinciali, stabilisce anche la cessazione del contributo a carico delle amministrazioni provinciali e dei comuni (previsto dal comma 5 dell'articolo 102 del decreto legislativo n. 267 del 2000) che è il fondo che ha finanziato l’attività dell’ex AGES. Prorogando il termine della soppressione del contributo e quindi del fondo finanziario di mobilità attribuito all’ex Agenzia, implicitamente si mantiene la situazione attuale. Ciò anche alla luce del fatto che non è stato ancora adottato il decreto previsto dalla legge che dovrà stabilire le date di effettivo esercizio delle funzioni trasferite individuando altresì le risorse umane, strumentali e finanziarie riallocate presso il Ministero dell'interno. Su questo punto specifico continuerà l'impegno della CISL e l'attenzione per gestire questa fase delicata di passaggio.



Condividi