AORN Cardarelli.Ancora fumata nera

AORN Cardarelli. Ancora fumata nera per la garanzia della salute e la tutela dei diritti.
Cisl fp, Uil fpl, Fials, Fsi e Ugl Napoli: situazione insostenibile.



“Nella giornata del 14 marzo nella struttura dell’AORN A. Cardarelli si è tenuta un’assemblea dei lavoratori che poi è sfociata in una pacifica occupazione dei locali della Direzione al fine di poter avviare un tavolo negoziale, teso alla risoluzione delle serie problematiche dell’azienda”. Avevano denunciato in una lettera, inviata al Prefetto e alla Presidente della Regione Campania, le segreterie provinciali ed aziendali di Cisl, Uil, Fials, Fsi e Ugl unitamente ai lavoratori del Cardarelli.

“A seguito di tale assemblea il giorno 15 marzo siamo stati convocati in sede di contrattazione aziendale proprio con ordine del giorno: carenze organico e mantenimento dei livelli Essenziali di Assistenza, purtroppo però nonostante anche la sensibilità mostrata dal Commissario Straordinario e dal Sub-Commissario Amministrativo circa le problematiche, non si è addivenuti ad alcuna risoluzione certa.
Se da un lato, infatti, questi ultimi si siano resi disponibili ad utilizzare forme di reclutamento di personale eccezionali, dall’altro hanno annunciato che tali azioni saranno messe in atto solo e dopo avere ricevuto le autorizzazioni alla loro formale richiesta fatta qualche giorno fa alla Struttura Commissariale regionale.” Affermano i sindacalisti.

“Le OO.SS. sono in apprensione in quanto se la struttura Commissariale Regione Campania non dovesse dare l’assenso a misure di reclutamento eccezionali, il più grande Ospedale del Mezzogiorno rischierebbe di implodere, venendo a cadere quella che è la mission di Azienda sanitaria e cioè la garanzia dello stato di salute dei cittadini.” Scrivono i sindacati nella nuova missiva inviata in Prefettura.

“Qualora non si dovessero trovare risposte concrete per la risoluzione delle problematiche prevediamo la programmazione di uno sciopero generale al fine di garantire l’assistenza ai pazienti e la tutela dei lavoratori”. Dichiarano i sindacalisti Cisl, Uil, Fials, Fsi e Ugl della funzione pubblica di Napoli e dell’azienda Cardarelli.


In allegato il comunicato e la lettera unitari










Condividi