Ministero Giustizia.Accordo sulla revisione dei profili e sulle progressioni professionali

In data 26 aprile 2017 la Cisl Fp Nazionale ha sottoscritto, congiuntamente a CGIL e UIL, nonché a Confsal Unsa e Federazione Intesa, un importante accordo sulla revisione dei profili professionali e sulle progressioni professionali nel Ministero della Giustizia (Dipartimento dell’organizzazione giudiziaria).

L’accordo sottoscritto il 26 aprile, in sintesi, prevede:

1. La possibilità del passaggio da una figura all’altra nell’ambito dell’area seconda a parità di posizione economica ex art 20 CCNI (flessibilità) sulla base dei posti disponibili, anche in posizione soprannumeraria fino al riassorbimento;
2. La possibilità di accesso del personale appartenente a tutti i profili di funzionario, sulla base dei posti disponibili, nella figura del direttore, figura così rinominata in luogo di direttore amministrativo (la mansione della figura resta invariata), anche in posizione soprannumeraria fino al riassorbimento;
3. L’impegno dell’amministrazione a concludere le procedure di flessibilità entro il 31 dicembre 2018;
4. La riscrittura della mansione del cancelliere (ridefinito cancelliere esperto), con la previsione della collaborazione qualificata nell’ufficio per il processo;
5. La previsione dei profili tecnici anche per l’organizzazione giudiziaria (assistente tecnico e funzionario tecnico);
6. La rimodulazione, entro il 30 giugno 2017, delle dotazioni organiche dei profili così ridefiniti e delle piante organiche anche al fine di favorire la flessibilità;
7. La emanazione ex art. 1 comma 2 octies DL 117/2016 di un DM che recepisce i contenuti dell’accordo al fine di accelerare la introduzione dei nuovi profili tecnici e la rimodulazione di quelli esistenti ed armonizzare la immissione nei ruoli dei nuovi assunti con la definizione dei percorsi di riqualificazione e progressione del personale in servizio;
8. L’impegno dell’amministrazione ad effettuare lo scorrimento delle graduatorie ex art 21 quater legge 132/2015 entro il 30.6.2019;
9. L’impegno ad estendere mediante apposita norma l’art.21 quater a contabili, assistenti informatici e linguistici;
10. L’impegno ad aprire il confronto sulle progressioni economiche entro il prossimo 31 maggio ed a reperire nuove risorse al fine di garantire entro il 2018 complessivamente non meno di 10.000 passaggi;
11. La pubblicazione del bando per il passaggio di 270 ausiliari in area seconda (già concordato nell’accordo FUA 2010) a partire dal prossimo ottobre;
12. Nuove modalità di attuazione della formazione del personale (mediante piattaforma e-learning) ed istituzione di un osservatorio permanete sulla formazione.

L’accordo inoltre prevede l’adeguamento alle procedure telematiche della mansione dell’ausiliario, dell’operatore giudiziario e dell’assistente giudiziario. Al profilo del funzionario giudiziario è stata aggiunta l’attività connessa alla tutela dei crediti erariali nonché quella relativa alle spese di giustizia. I profili UNEP restano al momento invariati.

In allegato la nota unitaria






Condividi