Asl Na 3 Sud:Manifesto per la trasparenza

Asl Na 3 Sud: Manifesto per la trasparenza.
Prevista assemblea dei lavoratori mercoledì 23.


La Cisl Fp Napoli area metropolitana mercoledì alle ore 12 presenterà il "Manifesto per la trasparenza sull’Asl Napoli 3 Sud". I cinque giorni di occupazione nella sede centrale si sono trasformati un piccolo congresso da cui è venuto fuori un lungo documento che rappresenterà lo strumento per difendere i diritti dei cittadini e dei lavoratori.

Un’occupazione fisica, ma soprattutto social, quella che il segretario Salvatore Altieri ha messo in pratica nel centro ‘Il Bottazzi’ di via Marconi e che mercoledì prossimo, alle ore 12, continuerà con un’assemblea che vedrà coinvolti tutti i lavoratori. “Noi siamo stati trasparenti attraverso i social network, abbiamo mostrato ciò che succedeva durante l’occupazione” ha detto il segretario.

Le domande che da mesi cercano una risposta sono rimaste solo sulla carta. Esempi? Gli infermieri interinali chiamati a lavorare per le sostituzioni estive solo ad agosto inoltrato il cui contratto si è prolungato da settembre a novembre a ferie finite. Senza contare ben altre richieste, regolarmente inviate e protocollate all’Asl Na 3 Sud, che però “la direttrice Costantini ha sempre ignorato” ha precisato Altieri.
“L’occupazione è stato un atto necessario per arrivare ad una condizione di trasparenza – sottolinea – durante questi mesi abbiamo chiesto confronti su argomenti importanti e anche oggi, dopo un breve incontro che siamo riusciti ad ottenere, l’atteggiamento è stato di chiusura”.

Le richieste della Cisl Fp sono state quindi sintetizzate nel manifesto per la trasparenza in cui si chiede: L’elenco delle ditte e delle cooperative che lavorano per l’Asl Na 3 Sud, quali le agenzie interinali incaricate della ricerca del personale, come sono stati utilizzati i fondi per i lavoratori destinati ai progetti speciali, chiarimenti sugli incentivi, le fasce e gli straordinari, immediata compilazione delle graduatorie di mobilità regionale ed extraregionale e che il reclutamento di personale a tempo determinato debba avvenire solo tramite avvisi pubblici.

“Abbiamo già provveduto ad inviare un dossier alla Corte dei Conti per quanto riguarda alcune situazioni di dubbia legittimità, speriamo di non dover continuare ad utilizzare questo metodo costantemente e che si apra un confronto serio” ha concluso Altieri


Napoli, 21 novembre 2016

In allegato il comunicato formato pdf





Condividi