ESACRI.Incontro Dipartimento della Funzione Pubblica

In data odierna si è svolto il previsto incontro presso il Dipartimento della Funzione Pubblica sulla terza fase del processo di mobilità dei lavoratori dell'Esacri.
In Premessa la Dr.ssa Barilà ha illustrato lo stato dell'arte: vi sono ulteriori 66 unità di personale amministrativo per le quali si sta cercando una adeguata ricollocazione per le quali è necessario tenere in conto le aspirazioni e la professionalità; dopo di queste si passerà alla fase conclusiva di preparazione per ricollocare coloro i quali accompagneranno l'Ente fino al 31.12.2017, data della definitiva liquidazione.
Sulla questione della salvaguardia del trattamento economico per il personale in mobilità ci ha comunicato che è presente specifica previsione normativa nel cd Decreto Migranti, che chiarisce la questione dell'assegno ad personam sia per il personale ex militare sia per il personale civile in transito.
FPCGIL-CISL FP e UILPA nel loro intervento hanno espresso apprezzamento per la soluzione che i dicasteri interessati hanno prodotto , sollecitando una nota esplicativa a tutte le amministrazioni interessate, e hanno evidenziato la necessità di porre particolare attenzione alla questione delle figure sanitarie (professionisti, medici ed educatori), soprattutto nel Lazio, da ricollocare nel SSR o, per le figure degli educatori presso DAP o DGMC.
Abbiamo chiesto di porre particolare attenzione, in questa ultima fase, alle richieste di tutti i lavoratori ed alla loro professionalità, per evitare di disperdere competenze preziose, come invece avvenuto nella prima fase.
In considerazione della presenza di alcune regioni abbiamo inoltre chiesto di fare il punto sui trasferimenti degli autisti soccorritori verso il SSR.
Il rappresentante dell'Ufficio del Commissario Straordinario alla Sanità della regione Lazio ha dato disponibilità, dopo lo sblocco delle assunzioni che dovrebbe avvenire entro la fine del mese, a prendere in considerazione il transito delle figure professionali sanitarie ed ha chiesto di fargli pervenire l'elenco delle professionalità coinvolte da ricollocare.
E' intervenuta la Lombardia che ha illustrato lo stato della trattativa regionale spiegando che, in via temporanea, ha superato le problematiche di inquadramento degli autisti soccorritori lasciandoli nel fuori ruolo con il contratto di provenienza.
L'Emilia Romagna ha concluso la procedura mentre le Marche hanno manifestato perplessità relative all'inquadramento; la Provincia autonoma di Bolzano sta invece adottando le procedure per 165 persone con l'avvalimento da far partire entro fine mese e la mobilità entro il prossimo Luglio.
La Dr.ssa Paccapelo dell'Esacri ha poi riferito che Veneto e Sardegna hanno concluso mentre si registrano difficoltà con Puglia e Piemonte; la cabina di regia ha offerto supporto alle situazioni di difficoltà.
Da parte nostra come FPCGIL-CISL FP e UILPA abbiamo sottolineato la necessaria autonomia delle trattative territoriali.
Sulla questione delle criticità registratesi in prima fase il Dipartimento ha preso l'impegno, alla presenza delle regioni e chiedendo la loro collaborazione, di riesaminare situazioni relative a professionalità ricollocate in ambiti completamente diversi a procedura di mobilità conclusa.
Il Dipartimento ha inoltre fatto riferimento al personale in convenzione presso il Ministero della salute dicendo che per la mobilità definitiva dello stesso, in ragione delle problematiche relative all'inquadramento, serve una norma a sostegno e che l'intenzione è di arrivare a mobilità definitiva verso Salute e/o Aifa entro la fine di dicembre. Si stanno valutando inoltre per i professionisti anche eventuali trasferimenti versi Enti di ricerca.
Si è inoltre parlato del fatto che alcuni passaggi effettuati in seconda fase verso le Amministrazioni Centrali hanno fatto registrare inquadramenti difformi a seconda delle Amministrazioni. Su questo punto, su richiesta di CGIL-CISL e UIL, il Dipartimento si è offerto di chiarire alcune problematiche e di voler contribuire con il proprio sostegno affinché gli inquadramenti siano omogenei e rispettosi del contenuto professionale.
Saremo convocati a giugno per fare nuovamente il punto della situazione.

Vi terremo informati sugli sviluppi.

FPCGIL Grieco
CISL FP Petriccioli
UILPA Romano

In allegato la nota unitaria pdf



Condividi